Logo di Restaurantrend

L’importanza del rebranding

L'importanza del rebranding nel settore food

Il mercato è in continuo cambiamento e anche i brand devono evolversi, per non rischiare di rimanere indietro o essere schiacciati dal cambiamento. Ecco a cosa serve fare rebranding per lapropria attività! Un brand non può essere immutabile: sono veramente pochissimi i casi in cui un brand, sempre uguale a se stesso, può attraversare i decenni registrando continui successi e consensi. Quando il mercato, i consumatori, o le tecnologie mutano, lo fanno anche i competitor.

Questo è il momento in cui diventa necessario aggiornarsi. Intraprendere un rebranding diventa un ottima strategia per comunicare una nuova immagine, dei nuovi valori o semplicemente portare una ventata di freschezza nella comunicazione.

In cosa consiste veramente il rebranding?

Si tratta del processo di costruzione di un nuovo marchio e di una nuova, o rivisitata, immagine aziendale attraverso un azione di marketing del brand stesso. Alcune aziende hanno bisogno di un rebranding radicale, dove gioca un ruolo importante anche la tempistica, cambiando in modo deciso la loro posizione e parte dei loro tratti distintivi. Altre aziende invece hanno la necessità di un rebranding evolutivo, quindi più graduale e talvolta poco percettibile dall’esterno.

Una strategia di rebranding efficace non è solo limitata allo svecchiamento del logo o al rifacimento del sito web. Comprende tutto ciò che riguarda l’azienda, ovvero dal packaging alla comunicazione attraverso i social, dai depliant fino agli annunci pubblicitari, tutto deve rispondere alle medesime esigenze.

Perché farlo porta vantaggi?

I motivi per fare rebranding possono essere molti, di natura interna o esterna all’azienda. Per esempio se l’azienda si è ampliata per acquisizione di altre società o per fusione con altra azienda. Oppure per “svecchiare” il brand puntando i riflettori soprattutto sul design, sul logo, sulla grafica e sui colori. Altro motivo è il cambiamento della tipologia di pubblico, pensiamo a quelle aziende che si sono ritrovate ad interfacciarsi con i Millenials, o ancora e strettamente collegato, il cambiamento dei trend.

Esempi di rebranding con i loghi della Apple attraverso gli anni

Un passo fondamentale in un processo di rebranding è quello di studiare ed analizzare i valori, la vision e la mission dell’azienda e quindi coordinare perfettamente qualsiasi scelta e mossa futura dell’azienda su queste linee guida. Molto importante è anche decidere cosa mantenere invariato: nella maggior parte dei casi ci sono degli elementi che non saranno ritenuti immutabili, come può essere il nome dell’azienda e dei prodotti/servizi chiave offerti. Uno studio approfondito va riservato al pubblico. Qualsiasi azione di rebranding deriva da uno studio degli attuali, potenziali e futuri clienti.

Gran parte delle più grandi, più conosciute e riconosciute aziende hanno già intrapreso questa delicata azione di marketing strategico. Pensiamo alla recente azione di rebranding da parte di due colossi italiani come Barilla e Mulino Bianco, ma anche alla Apple che dagli anni Novanta ad oggi ha modificato notevolmente la sua famosa mela che dai colori dell’arcobaleno diventò essenziale e monocromatica. E ancora si potrebbe fare un elenco molto lungo: Fiat, M&M’s, Yamamay, Fabriano, Citroen, and more.

Paura del rebranding?

Non tutti i percorsi di rebranding sono uguali: cambiano le tempistiche, cambiano le motivazioni, cambiano gli aspetti da modificare. È possibile attuare un processo di rebranding radicale, che in poco tempo rivoluziona l’intera brand identity di un’azienda.

Spieghiamo che il rebranding è un processo graduale che si fa step-by-step

É tuttavia possibile anche un approccio più soft e attuare un percorso di rebranding più graduale step by step. Si può fare iniziando a piccoli passi, come cambiare le immagini del sito web, e quindi cambiarne anche il font, lo stesso sarà poi rispettato anche nella newsletter e nelle comunicazioni cartacee, per successivamente definire la tavolozza colori del brand che verrà rispecchiata in tutti i canali social di riferimento. Di fondamentale importanza è il monitoraggio delle reazioni del pubblico ad ogni sfumatura di cambiamento del brand, è proprio in base a queste reazioni che si potrà passare alla mossa successiva, e così via, impostando così un processo di rebranding metodico e in completa sicurezza.

Condividi su :

Check Up ristorativo gratuito | Restaurantrend

ISCRIVITI ALLE NOSTRE WEEKLY NEWS

Inviando il modulo accetto che i miei dati vengano trattati in base alla privacy policy del sito.